Sformato di riso ai porcini

Sformato di riso ai porcini

Fonte: La cucina italiana – Edizione Piemme

Difficoltà: media

Tipo: primo

Tempo di esecuzione: 1 ora e 10 minuti

Stagioni: tutte le stagioni

Ingredienti principali:

-          RISO

-          PORCINI

-          FONTINA

-          PROSCIUTTO COTTO

-          UOVO

-          BURRO

-          GRANA PADANO

-          ZAFFERANO

-          AGLIO

-          CIPOLLA

-          PREZZEMOLO

-          BRODO VEGETALE

-          VINO BIANCO SECCO

-          OLIO D’OLIVA

-          SALE

 

Esecuzione:

Mondate 200 gr di funghi porcini, lasciatene da parte 3 piccoli e uguali, che userete per decorare, e tagliate gli altri a fettine. Scaldate in una padella 3 cucchiai d’olio con una cucchiaiata di prezzemolo tritato e mezzo spicchio d’aglio; trifolatevi i funghi, quindi salateli. Tritate una cipolla media e fatela appassire in una casseruola media con 30 gr di burro e un cucchiaio d’olio. Unitevi 600 gr di riso, fatelo tostare, bagnatelo con mezzo bicchiere di vino e quando questo sarà evaporato iniziate ad aggiungervi il brodo vegetale caldo. A metà cottura (in tutto ci vorranno 15 – 18 minuti) unitevi lo zafferano. Imburrate uno stampo dal diametro di 28 cm. Tagliate i funghi messi da parte a fettine regolari, che farete aderire ai bordi dello stampo. Unite al risotto ormai giunto a cottura 2 cucchiai di grana padano grattugiato e amalgamatevi l’uovo. Disponete metà del risotto sul fondo dello stampo, premendolo leggermente con un cucchiaio di legno. Tagliate 150 gr di fontina a fettine e adagiatela sul primo strato di risotto, sopra mettetevi delle fette di prosciutto e i funghi trifolati. Coprite con l’altra metà del risotto, premetelo e livellatelo. Immergete lo stampo in un bagnomaria bollente ma non in ebollizione e cuocete in forno a 200° per circa 30 minuti, senza coprire. Togliete dal forno e dal bagnomaria, lasciate riposare per circa 10 minuti, sformate e servite. 

Cerca nel sito

* scrivere la parola che descrive quanto si vuole trovare (ingrediente, ricetta o menù) se si tratta di una parola al plurale non inserire la vocale finale in modo da estendere le ricerche a tutte le che contengono quelle lettere (esempio arance  scrivendo “aranc” si otterranno tutti i testi contenenti le parole arance arancia aranciata)

La Missione

Ricercare, documentare e diffondere la cultura della "Cucina di Vigevano e della Lomellina" al fine di creare e mantenere la cultura della cucina locale, nell'interesse dei cittadini a fini culturali e alla creazione di un network a sostegno delle attività economiche e turistiche del territorio.

Contatti

Sede: Corso Cavour, 102 – 104
27029 VIGEVANO PV Italia
Tel. +39 0381 74217
Cel. +39 335 8131440
email info@tradizionialimentari.it

Centro Studi Tradizioni Alimentari

Registrato all’Ufficio delle Entrate di Vigevano il 31 gennaio 2005 al n. 347 serie 3 CF 94023260188 Iscritto al Registro Provinciale delle Associazioni senza scopo di lucro Sezione B) CULTURALE al n. PV-47 con ATTO N. 30234 DEL 26.02.2007